GRUPPO DI LAVORO SULLA CULTURA – RESOCONTO RIUNIONE 10/12/18

Il 10 dicembre si è tenuto, presso la sala libreria di Umbrò a Perugia, il primo incontro del gruppo cultura di Anima Civica. Come esplicitato in apertura dei lavori, parlare di “cultura” significa toccare il 90% delle azioni di un’amministrazione; le politiche della cultura, infatti, si innestano strutturalmente nella relazione tra enti e istituti di formazione: è possibile, dunque, ricostruire una relazione costruttiva, capace di produrre un sapere “territoriale”?

Le politiche culturali non possono essere ricondotte all’associazionismo o agli eventi in quanto tali, ma richiedono l’assunzione di un orizzonte di visione più ampio. È necessario che Perugia riconquisti uno slancio internazionale e che, allo stesso tempo, si apra una riflessione sui modelli urbanistici e architettonici: Perugia ha bisogno di un “costruire” di qualità, che la riporti al centro della riflessione internazionale sugli spazi.

Sulla scia di queste sollecitazioni preliminari, è emerso un primo stimolo che guarda al futuro: poiché le città non nascono con una vocazione, ma sono le persone che “vocano” i territori e le città, cosa sarà Perugia nei prossimi anni? Cosa vogliamo che Perugia diventi?

Il caso di Perugia 1416 – il cui aspetto più problematico risulta essere la destinazione quasi esclusiva dei fondi comunali per la cultura alla rievocazione storica – getta un allarme sulla tendenza all’irrigidimento sul passato, che oggi sembra affliggere Perugia e a cui si intende proporre l’innovazione come prospettiva alternativa. La cultura, infatti, non deve essere solo conservazione del patrimonio, ma soprattutto motore economico della città. Stando a quanto evidenziato dalla riflessione collettiva, una manifestazione come Perugia 1416 si ferma al lato ludico e ricreativo dell’esperienza culturale, rivolgendosi a un target di pubblico che è abitualmente marginalizzato rispetto a eventi dedicati a contenuti specifici, come ad esempio il Festival del Giornalismo. Pertanto, affinché non sia solo la formula immediata della rievocazione storica a far presa sulla maggioranza della popolazione, è necessario ripensare le strategie di comunicazione della cultura al fine di raggiungere tutte le fasce della popolazione, stranieri compresi, e ri-creare l’identità della città.

In questa prospettiva, si è imposta come esigenza la riscoperta degli istituti di formazione di Perugia, contrastando la tendenza alla chiusura che sembra interessarli. È indispensabile lavorare sulla percezione di una città che non “sente” come propri gli istituti di formazione e, parallelamente, analizzare il fenomeno per cui gli studenti, che dovrebbero essere protagonisti dello scenario culturale perugino, al contrario non si sentono parte della civitas.

Alcuni esponenti del mondo studentesco, che hanno preso parte alla riunione, hanno evidenziato una percezione di scollamento tra gli argomenti oggetto di studio e la cultura intesa in senso più ampio, lamentando una visione riduttiva del percorso universitario come “ufficio di collocamento”. È inoltre emerso che, dopo le scuole superiori, molti studenti perugini non scelgono di rimanere a Perugia e preferiscono proseguire altrove i propri studi. Il timore espresso dagli studenti è che l’Università degli Studi di Perugia dia per scontato che i ragazzi originari della città decidano di restare e diventare studenti Unipg.  Come coinvolgere nella vita culturale cittadina anche gli studenti, spesso nemmeno raggiunti dagli eventi culturali? La proposta emersa durante l’incontro del 10 dicembre è quella di far diventare la scuola e l’università degli spazi aperti, per facilitare l’accesso dei giovani alla cultura e creare un’identità cittadina, che prenda avvio dai giovani come protagonisti del mondo culturale. Serve un maggior collegamento tra gli istituti di formazione della città a tutti i livelli, deve nascere uno scambio e un confronto continuo tra questi luoghi.

Uno dei temi prioritari che sono emersi dall’incontro è quello degli spazi e del territorio: da una parte, si è concordato sulla necessità di far “uscire” le manifestazioni culturali oltre le mura del centro storico, per penetrare nei quartieri e rispondere alle esigenze reali anche con la cultura; dall’altra parte, si è riscontrato che, oltre il perimetro cittadino, non c’è altro spazio eccetto il teatro Brecht. Non è un caso se il quarto palazzo progettato da Aldo Rossi in Piazza del Bacio avrebbe dovuto essere un teatro, pensato per richiamare tutta quella parte di cittadinanza che non afferiva al centro storico.

Il problema degli spazi della cultura richiama la questione dell’accessibilità: è stata riscontrata, soprattutto all’interno dei quartieri limitrofi al centro, una mancanza di comunicazione e quindi consapevolezza delle opportunità culturali e degli spazi che le ospitano. Per l’immediato futuro di Perugia, quindi, è necessario assicurarsi che l’informazione arrivi nelle case delle persone, soprattutto di quei soggetti non radicati nella città, come studenti fuori sede, stranieri, migranti.

Al fine di ricucire una città lacerata, dalle periferie più lontane ai quartieri che fiancheggiano le mura storiche, si è proposto un progetto culturale che parta dalle più estreme propaggini del territorio comunale e, passando dalle aree periferiche più interne, arrivi fino al centro storico.

In ultima analisi, l’istanza primaria individuata dal gruppo cultura è costruire un’idea programmatica per il futuro della città, riappropriandosi di un senso di progresso: ciò che determina la crescita di una comunità è la sua proiezione futura, è sull’idea di futuro che una città fonda la sua identità. Alla luce di questa prospettiva, sono state innanzitutto evidenziate alcune criticità del presente, che possono essere così riassunte: come devono essere spese le risorse? Qual è il ruolo legittimo delle fondazioni bancarie nella promozione culturale? La sostituzione della parola “cultura” con la parola “bellezza” non rischia di far perdere alla cultura il suo ruolo essenziale nella formazione civica della città, in favore di una curvatura estetica?

Gli interventi che si sono avvicendati durante l’incontro possono essere sintetizzati da alcune parole chiave, dalla co-creazione alla multidisciplinarietà, dall’elaborazione collettiva al pensiero di città, dalla diversità come valore all’accessibilità, fino all’internazionalizzazione, nella prospettiva di fare di Perugia “capitale permanente della cultura”.

Al termine della riunione si è deciso che il gruppo si riunirà nuovamente nei primi giorni del nuovo anno per portare a termine alcune riflessioni e continuare il percorso avviato.

di Angela Giorgi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *