A Perugia serve l’ampliamento di Collestrada?

Era stato fatto passare come progetto di riqualificazione dell’area ex Enel di Collestrada, ma in realtà questa superficie comprendeva solo il 10% di quella del progetto complessivo. Dopo lo slittamento del progetto chiesto dalla multinazionale, apprendiamo dalla stampa che Ikea al momento non verrà realizzata a Perugia. Il progetto  è stato congelato dal colosso svedese e la città resta in attesa di una decisone definitiva. Ikea sembra voglia puntare su negozi piccoli e questa resta un’opzione in campo anche per Perugia. L’investimento da 40 milioni su Collestrada potrebbe comunque essere cancellato o fortemente ridimensionato. Ufficializzata per adesso l’apertura il 2 febbraio di uno sportello interno al Centro Commerciale della multinazionale.

Ma Eurocommercial sarebbe comunque intenzionata a proseguire nel progetto di ampliamento del centro commerciale. Non si parla di una semplice estenzione ma di più raddoppio della struttura attualmente esistente. Su “tuttoggi” vengono riportate le cifre dell’ampliamento: da 21mq a 84mq. Di questo e di tutte le implicazioni, compresa la revisione della viabilità in capo ad Anas, se ne discuterà nelle prossime settimane.

Riteniamo questo ampliamento assolutamente non necessario, anzi dannoso per la città. Lo testimoniano anche i molti gruppi di cittadini residenti a Collestrada e Ponte San Giovanni che si sono mobilitati in questi mesi per manifestare che il territorio non ha bisogno di ulteriori colate di cemento. Perugia è tra le prime città in Italia per presenza di medio/grandi strutture commerciali in rapporto alla popolazione, il che rappresenta un dato allarmante sulle politiche del territorio che sono state attuate in questa città negli ultimi decenni. I quartieri di Ponte San Giovanni e Collestrada già da tempo manifestano svariate problematiche in tema di viabilità, rappresentando una delle zone maggiormente trafficate della città e della Regione.

Perugia non ha bisogno di nuovi centri commerciali ma di politiche per la vivibilità degli spazi pubblici e per la riqualificazione urbana.
Mobilitiamoci per invertire queste tendenze deleterie per il futuro della nostra città. Una politica che non lavora per la salvaguardia del territorio è una politica incapace di progettare il futuro della città che è chiamata a governare.

Assemblea degli aderenti di Anima Civica

Mercoledì 30 Gennaio alle ore 21.00, presso la sala Miliocchi in Corso Garibaldi a Perugia, è convocata l’assemblea di tutti gli aderenti di Anima Civica, alla luce di quanto emerso all’ultimo incontro svoltosi il 18 dicembre dove Noi di AnimaCivica costituiamo un punto di riferimento per una nuova cultura di sinistra basata sull’autonomia delle istituzioni culturali, su progetti eco-compatibili in relazione alla mobilità sia collettiva che individuale, questo è possibile rimettendo al centro il Comune in un’ottica europeista che ha una proposta culturale svincolata da valori estranei alla crescita civile della nostra comunità, mentre oggi Perugia risulta sempre più scollegata sia tra le sue componenti interne che nelle realtà esterne sia di tipo regionale nazionale ed internazionale. Anima Civica continua nell’ottica di portare avanti un percorso di partecipazione e discussione sui temi di Perugia in maniera aperta e condivisa. L’assemblea sarà occasione di confronto ed elaborazione riguardo le tematiche che stiamo portando avanti e fare il punto su di esse; l’obiettivo comune rimane sempre quello di costruire concretamente una nuova visione per Perugia, riattivando la partecipazione. Per farlo abbiamo bisogno di tutte e tutti.

il programma di Anima Civica siete Voi.

Gruppo di lavoro sul centro storico, mercoledì 23 Gennaio

Dopo l’elaborazione avviata negli ultimi mesi, Anima Civica riconvoca il gruppo di lavoro sul centro storico al fine di procedere nella discussione inerente la situazione del centro città.

Di seguito il report dell’ultima riunione: http://www.animacivica.it/2018/07/23/gruppo-centro-storico-report-riunione-17-luglio-2018/

Ripensare Perugia è un’operazione estremamente complessa, che non può prescindere da una presa di coscienza del declino del suo centro storico. Questo significa ragionare dell’identità della città, rifuggendo da una tendenza alla chiusura, al provincialismo, all’esclusione che negli ultimi anni ha disperso quel patrimonio di città cosmopolita, aperta e partecipativa.

Invitiamo chiunque sia interessato a partecipare e ad estendere l’invito ad altri residenti del centro, così come a tutti coloro che per motivi di studio, lavoro o interesse personale, possano essere felici di partecipare al gruppo di lavoro.

L’appuntamento per il gruppo di lavoro sul centro storico è Mercoledì 23 Gennaio alle 14.30 presso Tangram Design in Via Benedetto Bonfigli n°12.

Vi aspettiamo!

Anima Civica

In merito all’ipotesi di un nuovo centro commerciale a Pian di Massiano

Anima Civica sente di dover puntualizzare la sua posizione, alla luce del dibattito scaturito sulla stampa locale, in merito all’ipotesi di un nuovo centro commerciale a Pian di Massiano.

  1. Anima Civica nasce per rompere ogni continuità con le politiche del passato sia in tema di sviluppo urbanistico di Perugia e su altri temi come la cultura e lo sviluppo economico.
  2. Partecipiamo alla costituzione di una coalizione di centro sinistra per affermare la necessità di una nuova cultura e una pratica del governo della città nella speranza di incontrare su questa strada quanti hanno a cuore lo sviluppo di Perugia basato sui valori della tolleranza e del progresso, rifuggendo da una logica oscurantista e immobilista del futuro per la nostra comunità.
  3. Nessuno sente la necessità di avere un nuovo centro commerciale in un’area che già vede numerose strutture di questo genere. Lo sviluppo urbanistico non è un gioco per apprendisti stregoni con una qualche infarinatura data dalla applicazione di un marketing datato. Seguendo il puro mercato e gli interessi di alcuni si arriva solo allo sfascio del tessuto urbano e commerciale a scapito di una logica di pianificazione sulla quale alla fine occorre aggiungere anche un po’ di buon senso.
  4. Non si comprende l’animosità delle giustificazione della Giunta Comunale nel difendere un’ipotesi nel momento in cui Perugia è in attesa di conoscere quale soluzione si intenda dare a Progetti ben più importanti per il futuro della vita civile della città quali il Turreno, Il Mercato Coperto, gli Arconi, Fontivegge, Monteluce, l’area dell’ex Carcere. Progetti sui quali la città attende ancora di avere quella partecipazione di cui ha diritto.

Capiamo che la vecchia politica commentata da vecchi giornalisti, porta a vecchie polemiche interpretate da vecchi protagonisti, la nostra funzione e il nostro lavoro è per affermare una nuova pratica di governo, con nuovi interpreti e con nuove soluzioni per la città. Questo è quello che stiamo faticosamente affermando e costruendo: un movimento per Perugia che sappia farsi interprete di aspirazioni migliori della città.

RIUNIONE GRUPPO “CULTURA”, 22 GENNAIO 21.00 UMBRÒ

Dopo il primo incontro tenutosi il 10 dicembre Anima Civica riconvoca la riunione del gruppo Cultura, uno dei cardini del lavoro impostato insieme con l’obiettivo della riconquista della vocazione internazionale di Perugia.

Anima Civica ha scelto di lavorare per gruppi tematici e di aree di residenza. L’idea è quella di riunione gli interessati ad un tema piuttosto che a un quartiere per iniziare a tracciare proposte e criticità insieme. Lavoreremo in ogni gruppo verso la stesura di progetti e per una nuova e diversa visione di città!

Anima Civica riunisce nuovamente il gruppo cultura martedì 22 gennaio alle 21.00 a Umbrò.

Chiunque fosse interessato all’elaborazione del tema è invitato a partecipare!

Per aderire ad Anima Civica, ed inserire i propri ambiti di interesse, compila il form: www.animacivica.it/aderisci

L’illusione della sicurezza

Come Anima Civica sosteniamo la posizione espressa da alcuni sindaci e presidenti di Regione in merito all’attuazione della Legge n° 132/2018 cosiddetta “DDL Sicurezza”. Crediamo infatti che la loro posizione non sia come alti esponenti politici hanno insinuato, una mera propaganda, ma una difesa della costituzione,dei suoi principi e soprattutto, una difesa dei diritti umani.
La nostra Perugia, città da sempre aperta e tollerante, deve prendere posizione contro una legge iniqua, xenofoba e incostituzionale. Un provvedimento che stabilisce che il permesso di soggiorno rilasciato al richiedente asilo costituisca sì un documento di riconoscimento, ma non basta più per iscriversi all’anagrafe e quindi avere la residenza. Questo non provocherebbe solo un caos nella nostra città, ma soprattutto vedrebbe togliere dei diritti fondamentali del cittadino come per esempio l’iscrizione al Servizio sanitario nazionale.
Inoltre, la legge prevede l’abrogazione dei permessi di soggiorno per motivi umanitari, salvo poche eccezioni, una norma vergognosa che va contro i Trattati Internazionali. Togliere infatti la protezione umanitaria significherebbe togliere la protezione a chi fugge perchè teme, a ragione, di essere perseguitato per motivi razziali, di religione, nazionalità, appartenenza a un determinato gruppo sociale o per opinioni politiche.
Inoltre, un forte aumento dei dinieghi e del numero di stranieri che, ben lungi dall’essere rimpatriati, resteranno sul territorio da irregolari farà si che queste persone vivranno in condizioni approssimative e dovranno utilizzare espedienti per vivere.
Tutto questo provocherà una vera e propria bomba sociale dal punto di vista amministrativo anche nella nostra città e sicuramente non porterà maggiore sicurezza.
A tutto ciò si aggiunge un taglio ai fondi destinati al sistema dell’accoglienza dei richiedenti asilo (Un taglio di 1,3 miliardi in tre anni spesi per l’immigrazione, di cui 500 milioni nel 2019) facendo si che già i difficili processi di integrazione di persone residenti nel nostro paese vengano ulteriormente complicati.
Perugia, la città di Aldo Capitini, non può e non deve sottostare a chi, con questa legge, specula sulla paura e sul caos parlando di sicurezza, ma che in realtà va contro i diritti delle persone, contro la costituzione e produce solo più insicurezza.
La nostra idea di sicurezza per la nostra Città e per il nostro Paese deve coniugare la sicurezza e i diritti (cosa che questa legge non prende nemmeno in considerazione).

PERUGIA 2019, il sogno di una “capitale culturale” e di un “capitale culturale”

La cultura è una delle principali “anime” di Anima Civica. Uno dei temi sui quali abbiamo da sempre caratterizzato il nostro agire civico. Ecco perché questa riflessione di Fabrizio Croce, storico operato culturale di Perugia e dell’Umbria, ci sembra un ottimo augurio per affrontare il nuovo anno.

PERUGIA 2019, il sogno di una “capitale culturale” e di un “capitale culturale”

di Fabrizio “Fofo” Croce

Con l’arrivo dell’anno nuovo ognuno di noi si sente di esprimere desideri e buoni propositi. Ecco, io spero che chi amministrerà Perugia in futuro saprà assolvere a un onere gravosissimo che può trasformarsi in una straordinaria opportunità per la città e che provo a sintetizzare nel pensiero che segue, sperando così di contribuire ad alzare l’asticella del dibattito che mi sembra arenato in maniera preoccupante sul tema della ZTL: un osservatore esterno si starà probabilmente facendo l’idea che il principale problema dei perugini oggi sia quello di entrare con il SUV dal portone di casa, ovunque esso si trovi e che per il resto già va tutto bene.

Come molti altri, anni fa, mi illusi che Perugia potesse diventare la “Capitale europea della Cultura”, oggi desidererei che riuscisse ad affermarsi come una “capitale culturale”, ma mi accontenterei anche se ognuno di noi cittadini acquisisse la consapevolezza di avere a disposizione un vero e proprio “capitale culturale” e, conseguentemente, il dovere civico di conoscerlo, proteggerlo e promuoverlo all’esterno come fosse suo.

Di questo onere e di questa opportunità parlavo poc’anzi ed ho usato la ripetizione proprio per rafforzare il concetto.

La nostra città dispone di un immenso, sottovalutato e a volte mal segnalato patrimonio di beni artistico-culturali: davvero tutti lo conosciamo, siamo consapevoli delle sue dimensioni e traiamo un reale beneficio dal suo valore?

Da quanti luoghi “nascosti”, chiusi o abbandonati nel degrado siamo circondati senza rendercene conto o conoscerli?

Uno su tutti: l’Oratorio di Sant’Agostino. Quanti perugini possono dire di conoscerlo, averlo visitato o sapere dov’è ?

Ci ha mai spiegato nessuno che i luoghi dove parcheggiamo, abbandoniamo rifiuti, facciamo la pipì, incidiamo un cuore o una svastica sono anche i nostri, potrebbero darci da vivere e dovremmo essere noi i primi a tutelarli?

La città dispone di un immenso patrimonio di eccellenze, competenze e conoscenze in ambito artistico-culturale: davvero non siamo in grado di guardare oltre gli eventi “spot” o le “stagioni” e progettare invece un “sistema-cultura”?

Molte scuole della città dispongono di archivi, gipsoteche, palchi, sale prove per la musica con tutta la strumentazione: non si potrebbero programmare ciclicamente attività, a complemento dell’azione delle Istituzioni culturali più attive, che facciano emergere tali realtà e riescano ad alimentare e valorizzare talenti anziché farli appassire o emigrare?

Fino a dieci anni fa una manifestazione artigianale, di puro servizio e a costo zero come “Musica dalle scuole” ha generato a lungo nei ragazzi e nelle ragazze il gusto di suonare assieme: F.A.S.K. o Vespertina, per citarne due, oggi suonano in tutta Italia e da lì provengono ed hanno tratto lo stimolo. Che aspettiamo a dargli dei “nipotini”?

Ci sono insegnanti apprezzatissimi nelle scuole di ogni ordine e grado del comprensorio che fanno un lavoro oscuro di educazione alla bellezza ed alla sensibilità artistica e culturale, perché non gratificarli al ruolo di consulenti/interlocutori nella programmazione di attività nelle quali l’esperienza sul campo potrebbe valere più dell’oro e nella valorizzazione di strumenti sotto-utilizzati come la alternanza scuola-lavoro o il Bonus-cultura?

Ci sono associazioni culturali, teatrali, circoli letterari, scuole di musica o di danza che svolgono un ruolo formativo fondamentale verso l’acquisizione di una passione per le arti, anche quando non si è di fronte al famigerato X-Factor.

Filippo Timi, Giovanni Guidi, Alice Gosti per dire, da quel mondo vengono. Chi ha contribuito a formarli, secondo voi?

Perché allora tagliarle sistematicamente fuori dalla possibilità di essere in qualche modo coinvolte in una stagione o in un Festival o di vedersi riconosciuto un ruolo di supporto ad Enti troppo spesso frenati da dinamiche aziendalistiche?

Quanto manca a questa città un Centro di Cultura Contemporanea che con costanza faccia da propulsore di idee e passioni, metta in relazione esperienze e saperi e sappia intercettare istanze, bisogni e sogni di una cittadinanza?

Prima di parlare di un Auditorium o di uno spazio da 1000/1500 posti, assolutamente necessario ad una città capoluogo di queste dimensioni, non dovremmo prima pensare a trovare e preparare chi poi lo riempirà?

La politica ha, oggi più che mai,  il dovere e la possibilità di formare il pubblico, le guide, gli artisti del domani.

La politica non può fare impresa, ma può agevolare e supportare chi fa una azione culturale dal basso, chi rischia e investe sul piccolo, favorendo la “bio-diversità culturale” e combattendo l’omologazione dei gusti e delle tendenze.

La politica ha i mezzi per mettere a punto un grande progetto di (ri)educazione civica che parta dal basso, dalle scuole elementari, a salire fino alla Terza età e si ponga obiettivi diversificati ma concreti: nuova segnaletica turistica, cittadini “testimonial della bellezza”, associazioni territoriali depositarie di funzioni, eventi culturali “site specific”, ovvero pensati per un luogo e calati in esso e nelle sue peculiarità, anziché atterrati e ripartiti come un’astronave aliena.

Potrebbe essere questo un “concorso di idee” in grado di coinvolgere università ed accademie, ma anche di intercettare alcune delle tante risorse umane e creative che operano quotidianamente “underground” tra le arti e l’artigianato senza mai avere occasioni concrete per emergere, rendendosi anche utili alla propria città o che attraversano la città durante i grandi eventi (ad esempio il Festival del Giornalismo).

In tale modo, più che con una grande mostra o un Palio, ed a costi più contenuti, ma se possibile senza ricorrere al solo volontariato, si potrebbe ridare un senso di appartenenza ed un’idea di comunità a tutti noi, cittadini nativi o adottati, nobili o proletari,  che le abbiamo rimosse o non le abbiamo mai perseguite per colpa di un individualismo sfrenato e di una praticità promossa a prassi e degenerata ad esempio quotidiano di inciviltà.

Insomma, sogno una Perugia 2019 che si impegni nella “formazione continua” dei suoi cittadini, affiancando, quando serve, la Pubblica istruzione, e torni ad essere un “incubatore” di saperi e di idee quale fu in anni gloriosi e non troppo lontani, anche valorizzando l’iniziativa dei privati, dove non arriva l’azione pubblica, e sgravandola di qualche peso superfluo che alla lunga risulta disincentivante. Non è male come desiderio di fine anno, no?